Strategie di customer delight

Customer delight, ovvero trasformare un cliente in un cliente abituale. Far sì che le persone non si limitino ad acquistare un tuo prodotto o un servizio, ma che lo facciano più e più volte, e che siano così soddisfatti da consigliarti a parenti amici. E’ possibile farlo scientemente, utilizzando una strategia efficace e replicabile? Sembra quasi troppo bello per essere vero, ma si può. Ne parliamo in questo video con Antonio Lazzari di stretegiesociali.it.

Nemmeno in questo caso, stiamo parlando di bacchette magiche e affini. Bensì di strategie sì efficaci, ma che richiedono studio e metodo per essere elaborate e messe in atto. Studio, metodo e software adatti, come Mautic (ti consigliamo questo contenuto per sapere di cosa si tratta).

Elaborare la giusta strategia di customer delight è spesso un percorso a ostacoli, un’attività svolta a suon di prove ed errori. Siamo sicuri però che la testimonianza di Antonio Lazzari ti sarà utile per capire come fare, e ridurre ai minimi termini gli inevitabili “giri a vuoto”.

Nel video parliamo di uno dei più grandi errori che le aziende compiono, e che riguarda il rapporto tra la funzione del marketing e i commerciali. Parliamo anche di alcune specifiche domande che devono essere poste ai propri clienti, se lo scopo è spingerli ad acquistare ancora e ancora. Parliamo del più grande risultato che puoi raggiungere in questa fase: scatenare il famoso “effetto WOW“. Infine, diamo qualche dritta per individuare i bisogni latenti e addirittura anticipare i clienti nelle loro richieste. Perché la customer delight è anche questo: giocare d’anticipo.

Il video qui sotto è in verità la seconda parte dell’intervista con Antonio Lazzari. Ti consiglio, se non hai già vista, di recuperare la prima parte, che è incentrata sulle strategie di inbound marketing per i ristoranti.

Buona visione!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *