Idee e tattiche marketing per estetiste e parucchiere

Idee e tattiche di marketing.. Alcune di queste possono tornare utili a estetisti e parrucchierie Soprattutto, consentono di sfruttare appieno la fase due per recuperare il denaro perso nelle settimane precedenti.

Se sei un’estetista o una parrucchiera, ti consigliamo di guardare questo video. Probabilmente, avrai sofferto più delle altre attività del lockdown, e ti ritrovi a dover recuperare molto denaro. Forse stai vivendo un momento strano: da un lato avverti la necessità di colmare il buco che le chiusure ti hanno lasciato, dall’altro ti ritrovi addirittura a dover rifiutare i clienti. Avrai certamente notato che la domanda è aumentata a dismisura, e non rispetto al lockdown (quello era scontato), ma rispetto al giugno dell’anno scorso o di due anni fa. Tutto fisiologico: la gente ha bisogno di rimettersi in ordine, dopo due mesi lontana da forbici, cerette, rasoi etc. 

Sicché avverti la spiacevole sensazione di perdere delle opportunità, perché molto banalmente non riesci a stare dietro a tutti ma soprattutto perché sai che questa domanda “estrema” si esaurirà presto. Forse hai già l’amaro in bocca.

Ebbene, in questo video ti spieghiamo come trasformare tutto ciò in una opportunità. Ti illustriamo alcune idee e tattiche di marketing per estendere nel tempo questa domanda “estrema”. 

Piccolo spoiler: tra le armi a tua disposizione, non solo i normali canali offline, che utilizzi da sempre, ma anche… Internet. Esatto, il marketing online fa anche al caso tuo, anche se la tua attività e spiccatamente e strutturalmente locale. Se non ci credi, dai un’occhiata a questo video, dove ti dimostro come questo tipo di marketing può essere utile per un’attività se possibile anche “più offline” della tua, come la vendita di distributori automatici

Quindi, se vuoi sfruttare al massimo la domanda generata dalla fase 2, e trarre beneficio anche tra due o tre mesi, guarda questo video e… Buona ripresa!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *